Publication:
Andrea Avellino e la "seconda" fondazione dell'ordine dei chierici regolari

Loading...
Thumbnail Image
Publication date
2020
Reading date
Event date
Start date of the public exhibition period
End date of the public exhibition period
Advisors
Authors of photography
Person who provides the photography
Journal Title
Journal ISSN
Volume Title
Publisher
Enredars
Export
Research Projects
Organizational Units
Journal Issue
Abstract
Questo saggio ha l'obiettivo di analizzare il ruolo avuto dal chierico regolare teatino Andrea Avellino (1521-1608) nel cambiamento dell'identità storica del suo ordine. Nella seconda metà del XVI secolo i teatini abbandonarono infatti l'iniziale vocazione inquisitoriale, impressa dopo la fondazione del 1524 da Gian Pietro Carafa, per concentrarsi sulla cura delle anime e sull'assistenza a poveri, malati e infermi, risultato di una accesa dimensione caritativa che traeva le sue origini nel mai del tutto sopito insegnamento del coofondatore Gaetano Thiene. Per l'importanza che ebbe nel processo di trasformazione dell'ordine, Andrea Avellino fu il primo beato teatino. Per questo motivo, il presente contributo intende soffermarsi sulla sua beatificazione, che si concluse durante il pontificato di Urbano VIII, nel 1624, grazie al coinvolgimento del popolo napoletano. Una strategia che i teatini elaborarono sfruttando le tensioni e le differenze, sia politiche che religiose, tra Roma e la Spagna, e che divenne il modello per ottenere la beatificazione di altri padri dell'ordine, tra i quali Gaetano Thiene.
Doctoral program
Related publication
Research projects
Description
Bibliographic reference
Photography rights